Cars 3 – recensione del film d’animazione Disney Pixar

Posted on Posted in Film

Cars è uno dei film più amati della Disney Pixar ed è ormai giunto al suo terzo capitolo, in cui Saetta McQueen deve vedersela con auto da corsa particolarmente veloci e all’avanguardia.

Non ho mai nutrito molta simpatia per Cars, soprattutto per il secondo capitolo della saga, che è stato – tra i tre – sicuramente quello meno riuscito. Nonostante ciò, quando ho sentito del ritorno di Saetta McQueen, sapevo che avrei comunque visto il film, perché sono una drogata di cinema e vedo qualsiasi cosa la sala del mio paese trasmetta.

Nonostante avessi già gettato la spugna anche per questo capitolo, Cars 3 mi ha piacevolmente sorpreso, diventando forse il miglior film del franchise fino ad ora realizzato. Il film si apre con una Saetta McQueen che – come un fulmine – sbaraglia tutti gli altri concorrenti, vincendo gare dopo gare. Purtroppo, però, il protagonista dovrà vedersela con Jack Storm e nuove auto da corsa, molto più veloci e tecnologicamente sviluppate. Tutti i suoi amici e Saetta vengono quindi rimpiazzati da questi concorrenti e per l’auto da corsa non resta altro che migliorare le sue prestazioni su strada.

Per farlo, il vecchio Saetta si affida a Cruz Ramirez, una perfetta istruttrice, che si è dedicata ai suoi “allievi” dopo aver messo da parte il suo sogno di diventare pilota.

Questo nuovo capitolo mi è particolarmente piaciuto, perché scopriamo un nuovo Saetta, un pilota che torna a mettersi in gioco, mostrando le proprie fragilità che si tramutano, tramite allenamento, in veri e propri punti di forza. Saetta è accompagnato da Cruz, una vera forza della natura e – a mio parere – vera protagonista della pellicola. Cruz è una linfa vitale per i personaggi e per il pubblico, è ben caratterizzata e capace di conquistarsi il bene degli spettatori. Una ventata di aria fresca, che affianca Saetta nel suo nuovo viaggio, prendendo molto spesso il posto del protagonista. Nel frattempo, l’esuberante Cruz lega il vecchio con il nuovo: nell’aspetto è come il buon caro Saetta, ma con la mente è proiettata verso il futuro, verso le auto che ormai stanno conquistando le piste di tutto il mondo. Ecco, quindi, perché Saetta ha bisogno di Cruz, perché solo lei è capace di allenare l’auto rossa più famosa della Disney.

Nonostante il nuovo personaggio e la storyline quasi del tutto innovativa, Cars 3 mantiene il tono giocoso e leggero che da sempre lo caratterizza. A differenza del primo capitolo – uscito più di dieci anni fa – in questo nuovo Cars la tecnologia la fa da padrona, diventando quindi proiezione del nostro mondo, dove non si può creare più nulla senza l’uso della tecnologia. Saetta McQueen dimostra però che anche il “vecchio” resiste al futuro e che, lavorando sodo, anche una vecchia auto può avere gli stessi risultati di una nuova.

Cars 3 è un film godibilissimo, ma che spero sia l’ultimo capitolo, e non perché non ne voglio più vedere di corse di auto parlanti. Semplicemente perché l’accurato finale presentato in questo film d’animazione è adatto per una degna conclusione del franchise. Non voglio svelarvi niente in particolare, sappiate solo che di Saetta McQueen ce ne sarà uno soltanto e nessuno potrà prendere il suo posto, mai!

Risultati immagini per saetta mcqueen gif

Regia: ⭐⭐⭐
Sceneggiatura: ⭐⭐
Recitazione: ⭐⭐⭐
Emozione: ⭐⭐⭐
Voto finale: 2,75

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*